Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni con IP anonimo su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito.

A piccoli Patti. Le bambine e i bambini reinventano la città

22Dicembre2020

11:00 – 13:00

Evento online

Come cambierebbero i nostri quartieri se fossero progettati e curati insieme alle bambine e ai bambini che li abitano?
Cosa possiamo imparare dalle pratiche di rigenerazione che mettono al centro le loro capacità creative?

Corvetto e Adriano sono due quartieri intorno di Milano profondamente differenti.
Per entrambi il 22 dicembre sarà un momento importante: la firma di due patti di collaborazione che nascono dall’immaginazione e dallo sguardo di bambine e bambini di due diverse scuole – la Filzi a Corvetto e la Bottego ad Adriano.
Sono loro ad aver ideato e coprogettato gli interventi previsti nei patti, identificando le priorità e partecipando attivamente alle attività di cura e rigenerazione, insieme ai tecnici del Comune e a diversi attori del territorio che hanno sposato la proposta.

Dalla coprogettazione e dai sopralluoghi realizzati dai bambini sono emerse proposte che prendono in considerazione gli aspetti della funzionalità degli spazi pubblici, l’estetica, la socialità, l’inclusione e la sicurezza, offrendo soluzioni accessibili e intelligenti: è il cosiddetto parametro bambino, il principio secondo cui si assume che ogni soluzione volta a migliorare la qualità della vita delle bambine e dei bambini migliorerà la qualità della vita di tutti i cittadini.

Il Giardino dei Desideri e Porta Adriano, come sono stati rinominati i due patti, sanciscono e valorizzano il legame delle comunità scolastiche con il territorio circostante, con le diversità degli attori che abitano o vorrebbero abitare questi spazi. Un legame concreto, fatto di azioni di cura e rigenerazione di aree verdi, ma anche squisitamente simbolico, che arricchisce gli spazi pubblici di nuove relazioni di condivisione. E arricchisce parallelamente le scuole, con la possibilità, inedita, di ampliare in modo innovativo la loro offerta didattica e formativa, nell’emergenza sanitaria ma anche e soprattutto come scelta strategica di lungo periodo.

Il 22 dicembre esploreremo questi e altri spunti di riflessione, invitando alcuni ospiti esperti in materia ad accompagnarci nella discussione.

11.00 – 12.00 | Presentazione dei due patti
Introduce e modera Elena Taverna, Luoghicomuni _ Labsus

Intervengono:

– Laura Galimberti, Assessora all’Educazione e Istruzione, Comune di Milano
– Paolo Limonta, Assessore all’Edilizia Scolastica, Comune di Milano
– Lorenzo Lipparini, Assessore a Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data, Comune di Milano
– Paolo Siccardi, Lacittàintorno _ Fondazione Cariplo
– Le bambine e i bambini, con il corpo docente delle scuole Filzi (Corvetto) e Bottego (Adriano)

12.00 – 13.00 | Tavola rotonda
Modera Maurizio Murino, Idee Bambine Pensieri Bambini _ Spaziopensiero

Intervengono:

– Lorenza Orlandini, ricercatrice Indire – Ricerca per l’innovazione della scuola italiana
– Antonella Meiani, maestra per “La scuola sconfinata di tutti e tutte – Oltre l’emergenza”
– Gianluca Cantisani, Movi, Responsabile progetto “Scuole Aperte Partecipate in Rete”

– Conclude: Chiara Saraceno, Co-coordinatrice “Alleanza per l’infanzia”

Evento live dalle pagine Facebook di Labsus e Lacittàintorno.

Luoghicomuni, all’interno del programma Lacittàintorno di Fondazione Cariplo, è l’azione coordinata da Labsus in collaborazione con Italia Nostra Milano volta alla nascita di giardini e orti comunitari e a diffondere iniziative di cura partecipata per i “vuoti” dei quartieri, da rendere spazi aperti collettivi.

(Foto di Marco Menghi)