Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni con IP anonimo su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito.

Dalle Parole ai Patti – Luoghicomuni a Chiaravalle

8Aprile2019

18:00 – 20:30

Anguriera di Chiaravalle Via San Bernardo, 17

Singoli abitanti e diverse realtà di Chiaravalle hanno espresso la necessità di favorire una co-programmazione del territorio, su diversi spazi del Borgo, per rispondere a bisogni molteplici: in un incontro guidato da Labsus,tre mesi fa hanno scritto le basi di un “Patto cornice” – volto a favorire dinamiche di cogestione e sperimentazione continua del Borgo di Chiaravalle come Bene Comune.
A quest’incontro sono seguiti: un percorso di ascolto guidato dall’artista Isabella Bordoni, che ha sviluppato con gli abitanti alcuni nodi tematici da inserire nel Patto; la raccolta di ulteriori commenti e suggerimenti attraverso un questionario diffuso ai partecipanti del primo incontro.

È ora tempo di passare dalle Parole ai Patti: la sera dell’8 aprile il testo finale sarà discusso pubblicamente con alcuni rappresentanti del Comune di Milano e del Municipio 5.

Il Patto cornice di Chiaravalle avrà l’obiettivo di:
• Costituire un tavolo permanente per la cura di Chiaravalle come Bene Comune;
• Costruire specifiche azioni di cura, gestione e rigenerazione condivisa dei beni comuni.

18.00 – Introduzione a cura di Labsus e Terzo paesaggio
18.15 – Presentazione del testo finale “Chiaravalle Bene Comune”
18.45 – Dibattito aperto (con la partecipazione di diversi settori del Comune di Milano e del Municipio)
19.30 – Conclusioni e prossimi appuntamenti
20.00 – Aperitivo

___

Luoghicomuni, all’interno del programma Lacittàintorno di Fondazione Cariplo, è l’azione coordinata da Labsus in collaborazione con Italia Nostra Nord Milano Luoghicomuni volta alla nascita di giardini e orti comunitari e a diffondere iniziative di cura partecipata per i “vuoti” dei quartieri, da rendere spazi aperti collettivi.

Il progetto si avvale inoltre del lavoro di ricerca condotto dal DAStU – Politecnico di Milano, nonché dai diversi partner che stanno lavorando con Lacittàintorno e con il Comune di Milano.