Questo sito usa Google Analytics per raccogliere dati sull'utilizzo, in modo da offrire un'esperienza utente sempre migliore. Cliccando su "accetto", permetti di abilitare il tracciamento delle tue interazioni con IP anonimo su questo sito web. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento. Troverai l'impostazione dedicata nel pié di pagina di questo sito.

Trasformiamo in realtà il Giardino dei desideri – Luoghicomuni a Corvetto

10Aprile2019

16:30 – 19:00

Via Ravenna, davanti la Scuola Filzi

Ci siamo presi cura del Giardino dei Desideri, in via Ravenna davanti la Scuola Primaria Filzi, pulendolo insieme e dando il benvenuto alla Primavera!
Genitori, bambini, insegnanti e tanti altri hanno preso parte e collaborato insieme.
Il prossimo passo sarà il 10 Aprile.
Ci ritroveremo al Giardino dei Desideri per decidere le azioni di cura future che saranno la base del Patto di collaborazione.

16.30 – Merenda condivisa

17.00 – Riassunto delle puntate precedenti
Insieme ricorderemo potenzialità, opportunità, criticità che sono emerse da genitori e insegnanti durante il percorso di Luoghicomuni

17.30 – Pensieri alla mano!
Ci divideremo in due gruppi: adulti e bambini. Con l’aiuto di Labsus per i grandi e di Spaziopensiero per i più piccoli, penseremo al Giardino dei Desideri del futuro.

18.30 – Riuniremo i due gruppi e ci racconteremo le azioni concrete che vorremo fare per costruire il Giardino dei Desideri.

Cos’è il Giardino dei desideri?
In via Ravenna, proprio davanti la Scuola Filzi, c’è un giardino poco curato che potrebbe essere rigenerato con la collaborazione di tutti.
Sono stati gli stessi bambini a indicare questo posto come il giardino dei desideri: uno spazio oggi abbandonato da trasformare in un luogo dove giocare, dove prendersi cura della natura, dove creare cose nuove e stare insieme.
Uno spazio, insomma, da trasformare in un bene comune.

——

Luoghicomuni, all’interno del programma Lacittàintorno di Fondazione Cariplo, è l’azione coordinata da Labsus in collaborazione con Italia Nostra Nord Milano volta alla nascita di giardini e orti comunitari e a diffondere iniziative di cura partecipata per i “vuoti” dei quartieri, da rendere spazi aperti collettivi.

Il progetto si avvale inoltre del lavoro di ricerca condotto dal DAStU – Politecnico di Milano, nonché dai diversi partner che stanno lavorando con Lacittàintorno e con il Comune di Milano.