Programma e obiettivi

È uno dei quattro programmi intersettoriali della Fondazione Cariplo: un programma triennale di intervento partecipativo sul territorio, che coinvolge in prima persona gli abitanti dei luoghi individuati.

Un processo di rigenerazione urbana che valorizza la multidisciplinarietà e lavora sui tempi medi, esprimendo una policy sulle città e sulle periferie, messe al al centro di una nuova geografia. Trasformandole in poli attrattivi per le reti e le comunità.

I nostri obiettivi

Lacittàintorno mira a favorire il benessere e la qualità della vita nelle città. Promuove il protagonismo delle comunità locali attraverso attività culturali, artistiche e di dibattito, di coesione sociale e di sviluppo economico, che sappiano parlare anche all’esterno. Facendo sì che i quartieri diventino teatro per pubblici diversi, provenienti anche da altre aree urbane.

In questo processo concorrono attori diversi come istituzioni, imprese, studenti e artisti. Generazioni differenti, con differenti background culturali.
Tutto questo per allargare i confini e ampliare il panorama sociale ed economico del territorio. Stimolare la creatività, per immaginare insieme nuove morfologie cittadine.

1

Incrementare e migliorare servizi e funzioni nei quartieri

La grande risorsa dei quartieri che spesso presentano criticità e soffrono l’assenza di istituzioni o presidi culturali di prossimità sono le persone. Si riuniscono in associazioni, cooperative sociali, gruppi informali. Lacittàintorno vuole stimolare e potenziare proprio questo protagonismo delle comunità, aiutandole a sviluppare e a far emergere le proprie aree di provenienza. Favorire il benessere di un luogo, rendere più attrattivi gli spazi, per favorire la qualità della vita delle persone.

2

Avviare il PuntoCom

Abbiamo parlato di persone, parliamo ora del luogo di aggregazione e fulcro del programma: il PuntoCom, punto di comunità, è un centro di gravità aperto e plurale, polifunzionale. Spazio dove potersi incontrare per usufruire di servizi e partecipare ad attività culturali e formative, orientate al lavoro, allo scambio e alla produzione di idee e di innovazione. Con il sostegno e la guida di Fondazione Cariplo, e la creatività della collettività.

3

Rafforzare il commercio, i giardini condivisi e gli orti di quartieri (e molto altro ancora)

Laboratori di pasticceria, per aprire nuovi spazi e attività commerciali. E laboratori per bambini, per aprire gli orizzonti lavorando proprio sul quartiere. Il benessere passa dal bene comune, dal negozio di prossimità, dalla cura degli orti urbani per diffondere stili di vita sostenibili, dalle attività con le scuole per ripensare e far rifiorire spazi e idee.

4

Promuovere il protagonismo delle comunità nei processi di rigenerazione

La vita di quartiere è la vita delle persone. Per questo il fulcro del programma sono proprio i cittadini. A fare da cassa di risonanza è la cultura, che diventa un agente di coesione sociale. La musica, la letteratura, ma anche la cultura del buon cibo, del buon business e la voglia di futuro, arricchiscono le persone. Le portano al confronto e allo scambio, al conoscersi meglio. Ed è conoscendosi, che si dà vita a cose sempre nuove.

5

Stimolare la creatività dei cittadini attraverso una “dieta culturale” ricca e variata

Ampliare il menù delle cose da fare, per riabituare il pubblico a gusti diversi, molteplici, dimenticati o sconosciuti. Letture pubbliche, cinema di quartiere, biblioteca di condominio, festival musicali, strade e palazzi che diventano musei a cielo aperto dove posare gli occhi. Spazi chiusi che aprono la mente. E luoghi dove ritrovare sapori e provare cibi inaspettati.

6

Favorire l’elaborazione di nuove geografie cittadine

I “quartieri intorno” ospiteranno attività culturali, artistiche e di dibattito rivolte a pubblici diversi e non solo rivolte ai residenti locali. L’obiettivo è quello di trasformare i propri territori in nuovi centri d’attrazione e di stimolo per tutta gli altri quartieri. Così, anche il resto della città si fa intorno, circonda e abbraccia nuovi territori.

7

Costruzione di opportunità per il miglioramento sociale ed economico del territorio

Rendere un quartiere più ricco di eventi significa anche aiutarne l’economia, grazie a una rete di collaborazioni attive tra i cittadini, i negozianti locali e le attività e le associazioni già presenti sul territorio.

8

Coinvolgere i target individuati: cittadini, terzo settore, istituzioni, imprese, nomadi culturali, studenti

Il programma Lacittàintorno si basa sulla collaborazione tra istituzioni, università, scuole, attori del privato sociale e dell’associazionismo locale, operatori economici e imprese. L’unione di questi molteplici attori è volta a incrementare e a migliorare i servizi e le funzioni nei quartieri, ponendo le basi per un accrescimento sociale ed economico del quartiere stesso.